Nodo di sangue – Anita Blake vol. 1 – Laurell K. Hamilton

Evidentemente nemmeno i morti sanno mantenere i segreti.

image_book.php?type=3&item_id=014f19f0315af0fd5f&time=0

“I vampiri sono creati da altri vampiri. Gli zombie sono defunti resuscitati dai risveglianti o dai sacerdoti vudù. Invece i necrofagi, a quanto si sa, ritornano in vita senza interventi esterni, e poi escono dalle tombe.”

Amen


Un libro che basa il suo fascino sul Vampiro, oltre che far man bassa di creature non morte e mannare, con l’uso di icone moderne ormai entrate nell’immaginario collettivo (il Vampiro fascinoso vestito da damerino della Rice sempre abbigliato in quel suo modo retro, tutto in nero tranne la camicia col petto adorno di gale, che era cremisi, la protagonista Lara Croft, ecc.). Gli abbondanti spunti sono presi da fantascienza e fantasy negromantico, con tocchi pornosoft e vagamente horror. Ha quel tanto di sborone che serve nel caldo estivo. Un pò come la serie Buffy che gli si ispira (almeno in parte, per poi discostarsene, dicono i fan di ambo le serie).


Riesce a rilassarci sotto un ombrellone, o in un quieto cimitero campagnolo a seconda dei gusti. Mai provato ad andare in un cimitero con l’ombrellone, by the way.
Ma vi prego, non pretendiamo da questo onesto svago inutili cerebralismi.

 

PS: a ben pensarci quello che non mi fa propendere per una piena sufficienza è il fatto che non esistono “motori”, ossia motivazioni dei personaggi. A ben vedere anche la trema è flebile, un sacco di azione senza che in realtà l’indagine avanzi di un centimetro, che nervi >_<.


PPS: Mentre mi piace l’idea dei non-morti legalizzati con una loro “chiesa” e dei negromanti che resuscitano cadaveri per averne informazioni.

 

Voto:
Altri dati:
Autore: Laurell K. Hamilton
Traduttore: A. Zabini
Pagine: 338
Prezzo: 8,60€
ISBN-10: 8850206887
ISBN-13: 9788850206889
Editore: TEA
Data di pubblicazione: Jan 01, 2005
Nodo di sangue – Anita Blake vol. 1 – Laurell K. Hamiltonultima modifica: 2010-08-10T14:45:00+00:00da morgana_luna
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento